UNA CAUSA, UNA SORGENTE, UNA CURA, UNA FORZA Della NATURA

La scienza, la filosofia e l’arte di allineare la prima cervicale,
L’Atlante, ha origine nella Chiropratica

che cos'è la chiropratica

NATA IN AMERICA DOVE CI SONO PIU' DI 300 MILIONI DI VISITE ANNUALI EFFETTUATE DAI CHIROPRATICI

nascita upper cervic chiropractic

Chiropratica è una filosofia, una scienza e un’arte delle cose naturali; un sistema che consente di correggere manualmente il segmento della colonna vertebrale che causa uno stato di malessere (malattia).
Quello che sappiamo in Chiropratica è guidato da una ricca filosofia olistica che non si è smentita né col tempo né con forzature esterne, anzi si è evoluta con la scienza e con gli sviluppi tecnologici al fine di esercitare un’arte unica sempre più precisa e efficace nel campo della guarigione naturale cioè in assenza di farmaci.
La sua filosofia si basa sul fatto che il corpo può guarire da solo e non ha bisogno di interferenze. Ogni organismo è dotato di una grande forza innata che è in grado di guarirci. La mancanza di tale forza equivale alla nascita di malattie. D.D. Palmer e suo figlio B. J. Palmer sono gli autori di ben 39 libri improntati sulla filosofia chiropratica e denominati “i libri verdi”. A quei tempi la filosofia e la scienza erano considerate all'avanguardia. Medici e Scienziati moderni come il Dr. Deeprak Choprah e il Dr. Bruce Lipton allocano la filosofia Chiropratica nel contesto della quantistica e olistica, e di notevole rilevanza nel sistema sanitario moderno.

LA SUBLUSSAZIONE

La sublussazione è la condizione della vertebra che ha perso il suo giusto rapporto con la vertebra successiva o precedente o addirittura entrambe; meno di una lussazione totale, che comprime i nervi e interferisce con la trasmissione degli impulsi nervosi/mentali. Una sublussazione trascurata a volte causa dolore e infiammazione, a volte no; comunque crea cambiamenti di tipo muscolo scheletrici o neurologici in poco tempo, degenerazione con più tempo. In Chiropratica la sublussazione è considerata causa di malattia.

ORIGINE DELL’ UPPER CERVICAL CHIROPRACTIC

La professione Chiropratica nasce negli Stati Uniti nel 1895 ad opera di D.D. Palmer. Nel 1898 Palmer istitutì la ”Palmer School”. Il figlio B.J. Palmer frequentò la scuola, si laureò e divenne la figura più significativa per tutta la professione Chiropratica. Nel 1902 B.J. Palmer gestiva la scuola di Chiropratica e istituì la “Palmer School of Chiropractic”.
Nel 1930 grazie agli studi di B.J. Palmer si arrivò alla scoperta della correzione “specifica” di “Hole in One” e nacque la scienza di Upper Cervical Chiropractic. Essa è fondata sul principio che le due vertebre della zona cervicale superiore, l’Atlante e l’Epistrofeo, si comportano come un cancelletto tra il cervello e il corpo, un loro disallineamento è responsabile di una diminuzione di impulsi nervosi al corpo che la correzione ripristina naturalmente.
I traumi, quando superano il limite di protezione del corpo, possono creare disallineamenti di due vertebre creando interferenze sull’intero sistema nervoso. Nel corso degli anni il metodo è stato applicato su migliaia di pazienti e sono stati documentati i cambiamenti fisiologici con eccellenti risultati. Ricerche recenti sull’ applicazione del metodo Upper Cervical Chiropractic per la Sclerosi Multipla, ipertensione e morbo di Parkinson hanno portato ottimi risultati.

IL DANNO DELL’ATLANTE SPOSTATA

una corretta posizione dell'atlante influisce direttamente sull'equilibrio di tutto il corpo

Ci sono diverse direzioni di spostamento dell'Atlante: in avanti a destra o in avanti a sinistra, rotazione in su o rotazione in giù. La testa segue lo spostamento e costringe il corpo a compensare.
La sublussazione provoca un cambiamento negativo dell'asse della testa causando uno sbilanciamento del corpo (come se si dovesse caricare sulle spalle un sacco pesante per anni), invece, quando l’Atlante e le vertebre della colonna vertebrale sono allineate nella posizione corretta, il peso viene distribuito in modo bilanciato bilateralmente cioè su entrambi i lati dello scheletro.
La testa rappresenta il centro biomeccanico dell’allineamento del corpo e, in condizioni normali, pesa 6 chili ma quando l’Atlante si disallinea, il sistema si sbilancia e si crea uno spostamento del baricentro. Si genera, così, uno squilibrio in tutto il corpo che provoca disfunzioni muscolo-scheletriche con blocchi articolari e muscoli contratti. Il corpo subisce gli effetti dannosi del peso concentrato da un lato, la scomparsa o l'accentuazione delle curve naturali.

Quindi si può tranquillamente affermare che la posizione corretta dell’Atlante influisce direttamente sull'equilibrio di tutto il corpo. Con il tempo un disallineamento trascurato dell'Atlante può portare ad una degenerazione irreversibile della colonna vertebrale. Tra i danni più frequenti possiamo annoverare: artrosi, scoliosi, discopatia, degenerazione artrosica delle spalle, delle anche e delle ginocchia con conseguenti problemi cronici di salute.

i problemi alla testa causati dall'atlante

Con un Atlante spostato anche il più semplice dei movimenti può comportare problemi di salute

restringimento dell'atlante

Ci sono diverse direzioni di spostamento dell'Atlante: in avanti, a destra o a sinistra, o rotazione su o giù. La testa segue lo spostamento e costringe il corpo a compensare.

Spostamento dell'Atlante in avanti: la testa pesa come una palla da bowling, sporgendosi in avanti, il suo peso può aumentare fino a quattro volte di più. Per compensare l’aumento del peso in avanti, il trapezio tende a tirare la testa indietro, creando una tensione muscolare che porta ad una rigidità dolorosa e cronica nella parte posteriore delle spalle. Può cronicizzare al punto tale di modificare la curva cervicale e tutta la colonna vertebrale con conseguenze immediate di dolore, contrattura muscolare e cefalea. Ora il corpo modifica il suo allineamento, dalla testa ai piedi, con sintomi tipici, quali: cefalea, vertigini, torcicollo, problemi alle spalle, collo doloroso, rigido e contratto.

Spostamento dell'Atlante e testa laterale: la situazione si complica ancora di più quando la testa si sposta a destra o a sinistra. Apparentemente il dislivello non sembra un grosso disturbo; immaginiamo di camminare con un tacco leggermente più basso dell'altro, la differenza è così sottile da non essere percepita dal proprio corpo fin quando sorgono problemi agli arti inferiori. Con il tempo movimenti sportivi o semplici camminate possono provocare una degenerazione artrosica a diverse articolazioni. Anche in questo caso, lo spostamento della testa lateralmente crea uno sbilanciamento in tutto il corpo, dalla testa ai piedi. Ora il corpo modifica il suo equilibrio ed allineamento e possono insorgere problemi di secondaria natura.

Spostamento dell’Atlante in rotazione: un millimetrico spostamento dell'Atlante, diventa un meccanismo che può provocare una cascata di effetti negativi e con il tempo degenerativi che si ripercuotono su tutto il corpo, inclusi i tessuti interni ed esterni, gli organi interni ed i muscoli. Un restringimento del passaggio del canale vertebrale e il foro occipitale crea una pressione su diverse strutture, diminuendo il normale flusso o addirittura la loro trasmissione:

  • tronco encefalico
  • nervo vago
  • vasi sanguigni
  • liquido cerebrospinale


Un modo semplice per capire pienamente il concetto è di immaginare un tubo per innaffiare in giardino che se calpestato diminuisce o addirittura cessa l’erogazione dell’acqua. La biomeccanica della zona cervicale superiore permette i movimenti regolari della testa e del corpo senza creare nessun tipo di problema alle varie strutture vascolari, neurali e linfatiche. Il disallineamento dell’Atlante può, invece, alterare o ridurre il flusso normale e regolare finché non viene corretta la sua giusta posizione .

CERVICAL ONE | 3, Via E. Romagnoli - 00137 Roma (RM) - Italia | P.I. 07521391008 | Tel. +39 06 82000274 | chiropraticajc@yahoo.it | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite